Contenuto principale

GAL Informa ...

23 agosto 2018

logo-4.leader jpg

Bando 7.6.1 “Sviluppo e rinnovamento villaggi” del GAL Appennino Aretino hanno partecipato ben 26 Comuni dell’area LEADER della provincia di Arezzo

Con una dotazione di 1.500.000,00 di euro si è chiuso il 13 luglio 2018 il Bando 7.6.1 “Sviluppo e rinnovamento villaggi”, primo Bando del GAL Appennino Aretino rivolto agli Enti pubblici. Le risorse sono state interamente esaurite vista l’importante partecipazione.


26 dei 30 Comuni del territorio elegibile del GAL Aretino, hanno risposto positivamente al Bando che prevede investimenti rivolti alla riqualificazione di piccoli centri rurali attraverso la creazione e il miglioramento delle infrastrutture di servizio alla popolazione, il recupero del patrimonio edilizio per servizi e attrezzature collettive e la riqualificazione di spazi pubblici e di aggregazione.

La misura 7.6.1, era molto attesa dai Comuni e la rilevante partecipazione al Bando, conferma la scelta effettuata dal GAL nella programmazione della propria Strategia di Sviluppo Locale, un percorso che già nella precedente programmazione era stato avviato dal GAL aretino con una misura analoga, la misura 322 “Sviluppo e rinnovamento villaggi”, per la quale sono stati erogati contributi per oltre 4.000.000,00 di euro. Con l’obiettivo di non vedere spopolati i tanti centri che caratterizzano le aree rurali della provincia di Arezzo il GAL ha previsto di finanziare, seppur piccoli, tanti progetti, per la riqualificazione di villaggi e la creazione di spazi pubblici e di servizio così indispensabili nelle zone marginali prevedendo infatti un massimale di contributo di 150.000,00 euro al fine di soddisfare più richieste possibili.

I primi di settembre, il Consiglio di Amministrazione del GAL, con l’ elenco delle richieste di aiuto ricevute da ARTEA Toscana, approverà la graduatoria preliminare con le domande potenzialmente finanziabili e quelle escluse, avviando così l’iter procedurale dell’istruttoria. La graduatoria preliminare ricordiamo non è l’ assegnazione del contributo che avverrà solo successivamente dopo verifica di merito effettuata dal GAL in qualità di unico ufficio competente per la provincia di Arezzo.